olympus om-d e-m10 mark iii recensione Mirrorless

Olympus om-d e-m10 mark iii recensione


olympus om-d e-m10 mark iii verdetto

Design 90%
caratteristiche 90%
performance 95%
qualità immagine 90%
Giudizio complessivo

La OM-D E-M10 III non è un grande aggiornamento in termini di specifiche, ma compie sforzi significativi per rendere più facile sfruttare appieno le grandi potenzialità di questa mirrorless. La Mark II era già buona, ma gli aggiornamenti apportati dalla Mark III sull'interfaccia, l'aggiunta del 4K ed il miglioramento del tracking AF, migliorano notevolmente questa nuova versione.

Punteggio 90%
Vota questa fotocamera
0 voti
0

ACQUISTA OLYMPUS E-M10 III IN OFFERTA

Prezzo EUR 729,99

olympus om-d e-m10 mark iii

  • Recensione
  • scheda tecnica
  • foto

La Olympus OM-D E-M10 III è una fotocamera mirrorless Micro Quattro Terzi da 16MP, appare come una versione leggermente più gradevole della OM-D E-M10 Mark II, dove le modifiche principali riguardano l'interfaccia utente (UI) e i menù, con lo scopo di rendere la fotocamera più accessibile ai fotografi meno esperti.

Da un punto di vista hardware, si tratta di un aggiornamento relativamente minore della Mark II, con alcune piccole modifiche all'ergonomia e un nuovo processore. Ma i cambiamenti dell'interfaccia utente rendono più facile l’accesso ad alcune delle sue funzionalità migliori.

Design e caratteristiche

Olympus ha sostanzialmente riutilizzato il design del corpo della E-M10 Mark II, con pulsanti e manopole identici posizionati nelle stesse posizioni. Tuttavia, molti di essi sono stati riprogettati con l'obiettivo di rendere la fotocamera più facile da usare per i principianti. Di conseguenza, la nuova arrivata funziona in un modo alquanto diverso rispetto alla Mark II.

Manca la costruzione in lega di magnesio tropicalizzata della OM-D E-M5 Mark II, ma la fotocamera risulta ancora robusta al tatto. Un'impugnatura riprogettata e ampliata offre una presa sicura, aiutata da un prominente cuscinetto per il pollice nella parte posteriore, e le ghiere di controllo scattano con una precisione soddisfacente. Rispetto a una DSLR a prezzo simile, è un oggetto più desiderabile. Se la si acquista con lo zoom EZ retrattile da 14-42 mm, è anche molto più sottile e facile da trasportare.

Due ghiere elettroniche sulla parte superiore sono utilizzate per modificare le impostazioni di esposizione e sono perfettamente posizionate per essere utilizzate con l’indice ed il pollice. La ghiera della modalità esposizione a accanto a è sollevata per renderla più semplice da utilizzare e offre una gamma completa di modalità, dalle modalità Auto completa per principianti alle modalità PASM per i più esperti.

La sua posizione SCN consente di accedere a una vasta gamma di modalità scena basate su soggetto, ma queste sono ora organizzate in sei categorie utilizzando una nuova interfaccia basata su touchscreen.

Molti dei pulsanti della fotocamera hanno cambiato le funzioni e solo due sono personalizzabili. Quindi, mentre il D-pad è stato precedentemente utilizzato per spostare direttamente il punto AF, ora è necessario premere prima il tasto sinistro; gli altri tasti ora danno accesso diretto alle modalità ISO, flash e drive.

Si può utilizzare il touchscreen per spostare invece il punto di messa a fuoco, che funziona anche se si ha l’occhio nel mirino. Molte telecamere hanno adottato questo approccio recentemente, ma nella maggior parte dei casi è fin troppo facile reimpostare il punto di messa a fuoco toccando inavvertitamente lo schermo con il naso. Tuttavia, Olympus ha trovato una soluzione: toccando due volte lo schermo si attiva e disattiva la funzione AF del touchpad, tutto funziona molto bene.

Gli unici pulsanti ancora personalizzabili sono entrambi sul lato sinistro. Il pulsante Fn1 azionabile con il pollice attiva l'esposizione automatica o il blocco dell'autofocus e sicuramente la maggior parte degli utenti probabilmente manterrà l’impostazione predefinita.

Il pulsante Fn2 accanto allo pulsante dell'otturatore attiva il moltiplicatore di focale digitale 2x. Potrebbe sembrare una scelta strana per i fotografi esperti, ma gli utenti di smartphone conoscono bene il concetto e la risoluzione di 4 megapixel è più che adeguata per l'uso delle foto nei social media.

Una scelta davvero gradita è stata la decisione di Olympus di cambiare i suoi menu, notoriamente troppo complicati, tagliando le cose all'essenziale e alcune delle funzionalità più avanzate sono state inevitabilmente rimosse come parte del processo di semplificazione.

Ad esempio, il flash incorporato non può più controllare unità esterne in modalità wireless e non è possibile salvare le impostazioni personalizzate di "MySet". Tuttavia, si ottiene ancora ampiamente lo stesso set di funzionalità e personalizzazione che si trovano sulle DSLR di fascia media.

Un'area in cui Olympus probabilmente ha semplificato eccessivamente è la conversione Raw della videocamera. Sui suoi altri modelli è possibile regolare le impostazioni come la modalità colore e il bilanciamento del bianco per ogni singola immagine e visualizzare in anteprima i risultati prima della conversione, il che è ottimo per modificare gli scatti preferiti prima di condividerli tramite Wi-Fi. Ma sulla E-M10 III Olympus bisogna apportare le modifiche alle attuali impostazioni di scatto della fotocamera per applicarle alla conversione Raw nella fotocamera.

Display e mirino

La Olympus E-M10 III ha uno schermo LCD inclinabile da 3 pollici con una risoluzione di 1.040.000 punti. Sia la dimensione dello schermo che la risoluzione dello schermo sono all'altezza degli standard di questa categoria.

La E-M10 MIII è dotata inoltre di un ottimo mirino elettronico incorporato con una risoluzione di 2,360k punti e una copertura del 100%, il che garantisce che ciò che si vede nel mirino durante la ripresa corrisponde esattamente a ciò che si ottiene nell'immagine. La E-M10 Mark III è inoltre nella classifica delle migliori mirrorless con mirino integrato come la più economica tra le macchine di questa categoria dotate di EVF digitale.

Niente da dire sia per quanto riguarda l’EVF che per il display, entrambi belli e luminosi, e soprattutto, senza lag significativi in condizioni di buona luce.

Qualità immagine

Ci sono 9 impostazioni ISO disponibili sulla Olympus OM-D E-M10 Mark III e la qualità dell'immagine è generalmente piuttosto buona, specialmente in JPEG. La sensibilità di base è ISO 200, ma è presente un'impostazione estesa a bassa sensibilità equivalente a ISO 100.

Nella modalità Immagine naturale, i colori sono vivaci senza essere sgargianti o sovra-saturi, mentre la gamma dinamica è molto buona. Da ISO 100 a ISO 1600, il rumore è molto ben controllato, di solito non diventa un problema fino alla ISO 3200, che è un risultato eccellente per una fotocamera Micro Quattro Terzi.

ISO 3200 e 6400 sono ancora tranquillamente utilizzabili, con solo le due impostazioni più veloci di 12800 e 25600 davvero sofferenti. Il sistema di stabilizzazione dell'immagine migliorato funziona brillantemente sia per le foto che per i video, anche quando si tiene la fotocamera a una velocità dell'otturatore molto bassa.

Anche le performance in Raw sono piuttosto buone, considerando il sensore relativamente obsoleto. Non supererà i suoi concorrenti da 24MP APS-C, ma non viene nemmeno surclassato in maniera irrimediabile, e inoltre il sensore più piccolo aiuta la fotocamera ad offrire un'eccellente stabilizzazione dell'immagine.

La gamma dinamica è buona per le dimensioni del sensore, con i file a ISO bassi che offrono un ragionevole grado di flessibilità in termini di capacità di modificare i parametri delle zone d’ombra senza aggiungere eccessivo disturbo all'immagine.

È disponibile anche una modalità Foto avanzata (AP), che consente ai fotografi di modificare le immagini, nonché di utilizzare Live Composite ed Esposizione multipla senza dover perdersi nel menu principale della fotocamera.

Performance

Le prestazioni AF della E-M10 Mark II erano impressionanti, ed il nuovo sistema della OM-D E-M10 Mark III viene ulteriormente migliorato.

Aumentano i punti AF con rilevamento del contrasto, da 81 a 121, che combinati con l'aggiunta del più recente processore di immagini TruePic III dovrebbero offrire velocità di messa a fuoco più nitide.

Mentre alcune rivali offrono punti AF con rilevamento di fase su sensore per accelerare l'acquisizione della messa a fuoco, questa omissione non sembra ostacolare eccessivamente l'OM-D E-M10 Mark III in modalità AF singola. La messa a fuoco è piuttosto veloce, anche con soggetti scarsamente illuminati; l'AF rallenta leggermente mentre si ingrandisce, sebbene ciò non dovrebbe rappresentare un problema con uno dei tanti obiettivi di alta qualità disponibili per la fotocamera.

Il tracking potrebbe essere migliore. Mentre una moltitudine di sensori copre gran parte del fotogramma, affidarsi esclusivamente all’ AF a rilevamento di contrasto significa che la fotocamera può faticare a mantenere il Focus anche con soggetti moderatamente veloci. In breve, la messa a fuoco è ottima per i soggetti statici, ma è deludente quando si tratta di soggetti in movimento.

Per quanto riguarda le riprese a raffica, la OM-D E-M10 Mark III ottiene un aumento di velocità modesto rispetto alla Mark II, da 8,5 fps a 8,6 fps. Anche se questo è solo un miglioramento marginale, la fotocamera è ancora più veloce di Fujifilm X-T20 (8 fps), e notevolmente più veloce rispetto a Canon EOS 800D (6 fps) o Nikon D5600 (5 fps). Anche le prestazioni del buffer sono buone, con 22 fotogrammi per i file raw, mentre la fotocamera continuerà a scattare in JPEG fino a quando la scheda non sarà piena.

Il sistema di stabilizzazione delle immagini a cinque assi si comporta molto bene, anche utilizzando una velocità dell'otturatore di 1/8 di secondo siamo riusciti a ottenere immagini nitide, mentre a condizione di mantenere correttamente la fotocamera tra le mani è possibile scattare anche a velocità inferiori con buoni risultati.

Video

La fotocamera può girare video UHD 4K a 30, 25 o 24 fotogrammi al secondo e può combinare la sua stabilizzazione del sensore con il digitale, se si è disposti a sopportare un ulteriore taglio del fotogramma. La fotocamera compie un lavoro davvero impressionante nello stabilizzare i filmati, rendendo molto facile scattare a mano libera. Anche la qualità dei filmati è eccellente.

La messa a fuoco automatica è facile da usare: si tocca lo schermo per mettere a fuoco e la fotocamera mette a fuoco nuovamente. Sfortunatamente, la i sofferenti tentativi della fotocamera di acquisire focus basati sul rilevamento di contrasto rischiano di rovinare i filmati. Il che significa che bisogna mettere a fuoco manualmente i risultati migliori.

Inoltre non c'è l'ISO automatico nelle riprese con esposizione manuale, quindi bisognerà scattare o in modalità priorità di apertura o in modalità priorità otturatore e consentire quindi alla fotocamera di controllare una delle caratteristiche dell’esposizione se si vuole essere in grado di regolare la luminosità mentre si risprende.

Oltre a ciò, la fotocamera ha a disposizione una modalità Focus Peaking (deve essere attivata tramite l'impostazione del menu 'Personalizza / A / MF Assist'), ma non ci sono “Zebra Warnings” per guidare l'esposizione. Gli avvisi Highlight / Shadow della videocamera smettono di funzionare in modalità video, quindi non si può improvvisare usando questi. Infine, come con molte altre fotocamere concorrenti, non c'è modo di aggiungere un microfono esterno, quindi si è limitati alla registrazione interna della videocamera, che non sarà mai eccezionale.

Connettività

La macchina è dotata di funzionalità Wi-Fi integrata, utilizzando il codice QR visualizzato sulla fotocamera, è possibile impostare rapidamente una connessione allo smartphone. La Olympus O.I. Share app semplifica il trasferimento di immagini, la ripresa in remoto, la modifica di foto e l'aggiunta di Geotag alle foto. La parte di controllo remoto dell'app offre un buon controllo su impostazioni e opzioni, oltre a permettervi di scattare foto e registrare video.

È inoltre possibile collegare E-M10 MIII a dispositivi compatibili tramite la porta HDMI o USB 2.0.

Autonomia

La durata della batteria è buona per una fotocamera mirrorless di questa categoria: 330 scatti, 20 scatti in meno rispetto alla Fuji X-T20, anche se deludente rispetto ad una DSLR rivale come la Nikon D5600, che arriva a 820 scatti con una singola carica.

La E-M10 Mark II aveva una modalità di sospensione rapida, che poteva prolungare la durata della batteria fino a 750 scatti e purtroppo, sulla E-M10 Mark III è stata eliminata.

Olympus OM-D E-M10 Mark III opinioni

La Olympus E-M10 III è un aggiornamento minore della Mark II, ma i cambiamenti sono focalizzati dove è importante, tuttavia, parlando esclusivamente della qualità immagine, la Olympus OM-D E-M10 Mark III è carente rispetto alla concorrenza.

A questo prezzo le principali concorrenti della E-M10 III sono le reflex digitali entry-level come la Nikon D5600 e Canon EOS 200D, o i modelli mirrorless come la Panasonic Lumix GX80 o la Sony Alpha 6000, è un po’ vecchiotta ma ancora valida.

Scegliendo poi di valutare queste fotocamere in base alla qualità delle immagine in RAW, le concorrenti con grandi sensori hanno innegabilmente il vantaggio in termini di risoluzione e rumore ad ISO elevati.

Ad ogni modo, la qualità fotografica è più che soddisfacente e la E-M10 Mark III è una delle uniche fotocamere della sua categoria ad offrire la ripresa video in 4K, tra l’altro con una eccellente stabilizzazione.

Tecnicamente, potrebbe non essere la migliore fotocamera in questo prezzo, ma indubbio il fatto che sia un’ottima combinazione piacevole da usare e in grado di produrre scatti di ottima qualità.

IN SINTESI

Pro

  • Finiture di alta qualità
  • Mirino elettronico eccellente
  • Dimensioni compatte
  • Sistema IS efficiente

Contro

  • Soltanto 16MP
  • È un aggiornamento minore della Mark II
  • Focus tracking migliorabile

ACQUISTA OLYMPUS E-M10 III IN OFFERTA

Prezzo EUR 729,99

olympus om-d e-m10 mark iii