Le 10 Migliori Mirrorless per Video del 2019

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

​Se sei in cerca di una fotocamera digitale per filmati Full HD e 4K, ecco la classifica delle migliori mirrorless per video suddivise per fasce di prezzo, dalle professionali alle economiche, per tutte le esigenze da videomaker.

​La fotocamera mirrorless è uno strumento ad oggi molto potente per poter realizzare filmati dal carattere professionale, per piccole produzioni video ed eventi, amate dai fotografi e videografi di tutto il mondo per la migliore portabilità rispetto alle videocamere professionali e alle migliori reflex DSLR.

Vista l’enorme popolarità di questa nuova tecnologia, le case produttrici di macchine fotografiche si sono concentrate nel creare prodotti che funzionano bene sia per fotografia che per video, ed hanno iniziato a dare molta importanza proprio alla sezione filmati, poiché molti sono gli utenti che preferiscono utilizzare una mirrorless per questo tipo di attività.

Ad oggi troviamo sul mercato un numero esuberante di opzioni, a tutti i prezzi e per tutti i gusti e necessità. Sony, Panasonic, Nikon, Canon, Fujifilm, Olympus, tutti questi marchi si sono impegnati tantissimo negli ultimi anni nel realizzare soluzioni per tutte le esigenze di prezzo, e ad oggi il consumatore si trova ad affrontare spesso una scelta molto difficile nel capire quali sono i migliori modelli.

Come sempre, cercheremo di fare chiarezza ed offrire risposte esaustive alle vostre necessità. In questa guida all’acquisto scopriamo quindi quali sono le 10 migliori mirrorless per video, dalle più costose alle più economiche, con spiegazione delle caratteristiche principali e dei punti forti di ogni modello. 

Nikon Z6

- Prezzo 1.910,00 € -

​1. Nikon Z6

La migliore mirrorless full frame Nikon per video

È una delle ultime arrivate sul mercato, la nuova mirrorless full-frame di Nikon è particolarmente ideale per fare video, ed è piena di funzioni molto utili sia per chi vuole girare video 4K che Full HD.

Le specifiche tecniche di base comprendono un sensore full frame 24MP e processore EXPEED 6, attacco per obiettivi Nikon Z, 273 punti AF a rilevamento di fase, mirino elettronico da 3.6m-dot.

I formati video disponibili in alta risoluzione sono 4K UHD 30p, 25p, 24p; Full HD 120p, 100p, 60p, 50p, 30p, 25p, 24p; Full HD, Slow Motion 30p 4x, 25p 4x, 24p 5x. In tutti questi formati, frame rate e risoluzioni, la Z6 è in grado di registrare utilizzando l’intera superficie del sensore in formato FX, ma è anche possibile impostare l’area di registrazione in formato DX se necessario.

Il tempo massimo di registrazione è di 29 minuti e 59 secondi, in slow motion 3 minuti. Il bit-rate massimo è di 144 Mbps, la registrazione interna avviene a 8-bit 4:2:0, mentre se si utilizza un registratore esterno avrete accesso al 10-bit 4:2:2 ed anche alla modalità N-Log.

La fotocamera è provvista di uno slot per schede di memoria di tipo XQD, il mirino elettronico EVF è di ottima qualità e mostra un’anteprima molto fedele della qualità del filmato, il sistema AF è affidabile ed è provvisto di una buona densità di punti per tracciare soggetti e movimento.

Ad alti ISO la fotocamera ha prestazioni eccezionali, con rumore digitale che si fa notare sopra ISO 25600, grazie al sensore full frame di alta qualità ad alle sue proprietà di ritenzione della luce. Buona quindi anche per condizioni di scarsa luce per la registrazione di eventi al chiuso e con bassa luminosità.

È presente un meccanismo interno di stabilizzazione a 5 assi che permette di filmare a mano con compensazione delle vibrazioni fino a 5 stop. Il display è di buone dimensioni da 3.2 pollici e 2.1 milioni di pixel in risoluzione.

​2. Panasonic LUMIX GH5S

​La migliore mirrorless per slow motion

La maggior parte delle macchine fotografiche mirrorless sono costruite principalmente per foto, ed offrono anche funzioni video. Nel caso della Panasonic GH5s è il contrario, questa macchina è principalmente progettata per video, ed offre anche funzioni fotografiche.

La versione “s” della Panasonic GH5 è quindi una mirrorless che ha come scopo primario quello di essere totalmente ottimizzata per la registrazione di filmati, e per qualità prezzo rappresenta uno dei migliori investimenti che possiate effettuare se siete seriamente intenzionati a produrre video di alta qualità.

L’unica specifica che potrebbe sembrare limitativa a primo sguardo, è la presenza di un sensore non-full frame, micro quattro terzi da 10.28MP, che è però la caratteristica che la rende una delle migliori (se non LA migliore) per condizioni di scarsa luce. Per il resto le specifiche tecniche sono estremamente più elevate rispetto a qualsiasi altra fotocamera per video sul mercato in questa fascia di prezzo.

Su sensore micro 4/3 potrete registrare filmati Cinema 4K e Ultra HD fino a 60 frame al secondo, per una incredibile qualità video 4K slow motion. In modalità Full HD è inoltre possibile filmare fino a 240 fps, per rallentare il movimento in maniera esponenziale e realizzare video slow motion 7.5x al di fuori della portata di molte altre fotocamere.

Se scendiamo ancora più nel dettaglio e andiamo ad analizzare le specifiche tecniche video, troveremo che questa fotocamera mirrorless non ha rivali nella qualità video in output.

Per i videomaker più esperti, la GH5s è capace di filmare DCI 4K fino a 60 fps 150 Mbps 4:2:0 8-bit, 30 fps 150 Mbps 4:2:2 10-bit, 24 fps 400 Mbps 4:2:2 10-bit. Grazie alla porta HDMI full size presente sul corpo macchina è inoltre possibile collegare un monitor o registratore esterno e far uscire un segnale 4:2:2 10-bit a tutti i settaggi.

Per produttori di filmati professionali, sono disponibili profili di gamma dinamica estesa V-Log per favorire una migliore resa del range dinamico e per un migliore risultato in post produzione. Mentre si registra in V-Log, è inoltre possibile visualizzare l’immagine su display utilizzando LUTs.

Anche la sezione audio è molto capace, la qualità dell’amplificatore interno è superiore a quella delle altre marche, ed è anche possibile collegare un adattatore per microfoni XLR sulla slitta hot shoe, per registrare con qualità audio superiore senza doversi preoccupare di eseguire il sync in post.

​3. Sony Alpha A7 III

La mirrorless per video professionali full frame

Restiamo nella categoria top di gamma nel settore delle fotocamere mirrorless per video, e per chi cerca una full frame non possiamo non menzionare la favolosa Sony A7 III, che è forse la migliore per rapporto qualità prezzo in questa classifica.

Le sue qualità video sono al pari delle capacità fotografiche, quindi se acquistate questa macchina avrete fatto un ottimo affare per entrambi i settori. La A7 III è al momento uno dei prodotti più competitivi nel mercato nel settore delle fotocamere ibride, ed offre una versatilità incredibile ad un prezzo più che vantaggioso.

In modalità 4K, potrete registrare video a 30p, 25p, 24p a 100 Mbps o 60 Mbps. In Full HD 1080p, avrete accesso a frame rate fino a 120 fps anch’esso a 100 Mbps o 60 Mbps. La registrazione 4K avviene sull’intera porzione del sensore full frame 24MP, qualità che garantisce una maggiore risposta alla luce per ottimi risultati in condizioni di luce scarsa.

Anche ad alti ISO, per quelle situazioni dove sarà necessario aumentare la sensibilità per catturare soggetti al buio, la qualità video rimane buona e priva di troppo rumore digitale, rendendo la A7 III perfetta per chi cattura eventi in interni e per eventi serali.

La registrazione interna avviene a 8-bit 4:2:0, mentre se utilizzerete un registratore esterno potrete registrare 8-bit 4:2:2, in questo reparto la Panasonic GH5s è più capace, ma questo è un compromesso che è imposto dal sensore full frame della A7 III.

Grazie alla tecnologia di stabilizzazione IBIS del sensore, la A7 III è utilizzabile anche per registrazioni a mano libera. È presente una connessione audio per microfono esterno ed anche un’uscita cuffie per monitorare durante la registrazione. La sezione per schede di memoria offre due slot SD, a favorire buona capacità e affidabilità.

Le performance del sistema AF sono molto elevate, sono presenti 693 punti AF a rilevamento di fase e 425 a contrasto, per una copertura quasi totale del frame con tecnologia di riconoscimento dei volti e degli occhi, per tracciare soggetti in maniera fluida durante la registrazione.  

Per maggiore libertà di espressione durante le operazioni di post produzione e color grading in Premiere Pro o Final Cut, è possibile registrare in S-Log con gamma dinamica estesa.

​4. Olympus OM-D E-M1 Mark II

La migliore mirrorless per video vlog di fascia media

Una marca che viene spesso sottovalutata è Olympus, che con questa mirrorless si rivolge ad un pubblico di fotografi ibridi per fotografia e video, con un insieme di caratteristiche particolarmente incoraggianti per chi cerca una fotocamera dal prezzo di fascia media.

Il sensore è di dimensioni micro quattro terzi, con risoluzione 20.4MP e processore immagini TruePic VIII Dual Quad Core, stabilizzatore interno a 5 assi, display completamente articolato da 3 pollici e 1.04m-dot, corpo macchina tropicalizzato e sistema AF da 121 punti.

I formati video disponibili sono DCI Cinema 4K 24p 237 Mbps, 4K 24p 25p 30p 102 Mbps, Full HD e HD 24p 25p 30p 50p 60p. È possibile registrare audio da microfono esterno tramite porta mini-jack da 3.5 mm.

Il mirino elettronico della E-M1 Mark II è di buona qualità, con copertura del frame del 100% e 2.36 milioni di punti in risoluzione.

Le prestazioni della fotocamera digitale sono buone per quanto riguarda l’affidabilità del sistema AF, ed altrettanto buone per risposta al rumore e ISO, si può spingere la sensibilità fino a ISO 1600 senza aver video troppo rumorosi, sopra questa soglia non consigliamo di salire a meno che non si abbiano alternative.

Buona la risposta al rolling shutter, quasi impercettibile, per quelle situazioni in cui utilizzerete la fotocamera per movimenti panoramici veloci non avrete problemi di distorsioni dell’immagine.

La consigliamo soprattutto ai viaggiatori e vlogger perchè unisce tutto quel che si cerca in una fotocamera per questo tipo di utilizzo, è leggera e portatile, non costa moltissimo, gli obiettivi compatibili sono di dimensioni contenute (essendo una micro quattro terzi), è stabilizzata ed offre uno schermo LCD articolato per selfie.

​5. Fujifilm X-T3

​La migliore mirrorless per video APS-C

La migliore Fujifilm per video è la X-T3, che è anche tra le migliori mirrorless di sempre sia per caratteristiche fotografiche che video, con un pacchetto qualità prezzo che batte tutte le altre fotocamere APS-C.

In questa fascia di prezzo, le caratteristiche tecniche della sezione video sono a dir poco eccezionali. 4K 10-bit 4:2:0 a 400Mbps e fino a 30 fps, 4K/60p 200Mbps, registrazione esterna 10-bit 4:2:2 tramite HDMI. Sia in 4K che in Full HD è possibile registrare in 16:9 e in 17:9. La modalità Full HD offre video slow motion fino a 120 fps, ed in Full HD è possibile registrare fino a 200 Mbps per una maggiore chiarezza e nitidezza dell’immagine.

Quando si registra in 4K fino a 30 fps non c’è nessun fattore crop, la fotocamera utilizza l’intera superficie del sensore APS-C, mentre se si vuole registrare in 4K 60p per rallentare poi il video in slow motion la camera effettuerà un crop pari a 1.18x.

Il sistema AF è veloce, affidabile, e provvisto di tutte le caratteristiche top di gamma dei moderni sistemi di messa a fuoco come eye-AF e face recognition. Per chi vuole mantenere l’esposizione sotto controllo, è disponibile la funzione zebra, ed è possibile registrare video con una incredibile gamma dinamica di 11.2 stop quando si usa la modalità F-Log, numero che siede tra i top in questa categoria e a questo prezzo.

Parlando di gamma dinamica, il sensore APS-C X-Trans BSI CMOS 4 stupisce su tutti i fronti, ed offre una risposta al rumore clamorosamente alta per un sensore di queste dimensioni. Il risultato è che l’utente ha maggiore libertà di alzare la sensibilità ISO quando serve, per far fronte a situazioni di scarsa luce senza veder comparire troppo rumore digitale.

Le simulazioni pellicola Fujifilm presenti come preset in questa fotocamera sono squisite, soprattutto la modalità ETERNA che specialmente se applicata alla registrazione video, vi permette di produrre velocemente filmati dal carattere cinematografico, senza dover perdere tempo in post produzione, ottimo per quelle produzioni veloci dove non avete molto tempo per correggere i colori in post.

​6. Sony Alpha a6500

La migliore mirrorless Sony di fascia media

La Sony A6500 è la fotocamera APS-C ammiraglia della linea mirrorless di Sony, particolarmente adatta per video e con numerose caratteristiche che faranno gola agli appassionati, professionisti e per produzioni YouTube.

Le dimensioni del sensore sono APS-C di tipo Exmor CMOS e da 24MP e processore d’immagine BIONZ X. Il sistema di autofocus è una delle caratteristiche più di spicco, con 425 punti AF a rilevamento della fase, semplice da utilizzare e molto veloce, per tracciare soggetti in rapido movimento.

Il mirino elettronico è composto da 2.36 milioni di punti in risoluzione, mentre lo schermo LCD è da 3 pollici e 921k-dot con funzionalità touch screen. La fotocamera è inoltre provvista di stabilizzazione interna dell’immagine a 5 assi, per avere buona resa dei video anche quando si registra senza stabilizzatore o treppiede.

Le dimensioni sono molto compatte, questa è un’ottima fotocamera per lavori con gimbal perchè è leggera e facile da bilanciare.

La registrazione dei filmati 4K avviene su una superficie del sensore pari ad un Super35mm con risoluzione effettiva da 20MP 6000 x 3376, con sistema di oversampling da 2.4x per estrarre poi un filmato 4K ancora più ricco di dettaglio e nitidezza d’immagine.

La fotocamera registra in campionamento colore 4:2:0 8-bit, sia in 4K che in Full HD. In modalità Full HD è possibile realizzare filmati slow motion fino a 120 fps per essere poi rallentati in post fino a 5x. Per chi vuole realizzare filmati con campionamento 4:2:2 è possibile collegare la fotocamera ad un registratore esterno via HDMI.

Come al solito per le fotocamere mirrorless Sony, è possibile registrare in S-Log per ottenere video con gamma dinamica estesa per effettuare il color grading professionale in post.

​7. Fujifilm X-T30

La piccola mirrorless per video e street photography

La X-T30 è la versione più economica della Fujifilm X-T3, e porta lo stesso sensore APS-C X-Trans CMOS 4 in un corpo più compatto e maneggievole, ottimo per il videomaker che fa molti filmati in viaggio e per street photography.

Questa piccola mirrorless APSC può registrare filmati DCI 4K (4.096 x 2.160) e 4K UHD (3.840 x 2.160) fino a 30 fps, e Full HD (1.920 x 1.080) fino a 60 fps. La modalità di registrazione arriva fino a 200 Mbps con campionamento 8-bit 4:2:0. È possibile collegare un registratore esterno per registrare a 10-bit 4:2:2. Per filmati 4K la limitazione è di 10 minuti consecutivi, mentre per Full HD di 15 minuti.

La qualità estrema di questo sensore APS-C rende possibile ottenere la stessa qualità immagine della sorella maggiore X-T3, con risposta al rumore eccellente anche su alti ISO, ed incredibile nitidezza dell’immagine. Anche qui troviamo le stesse simulazioni pellicola disponibili nel menu interno, ed è anche disponibile la modalità Log.

Per la registrazione di audio di qualità, il corpo macchina offre un’entrata microfono da 3.5 mm, e se vorrete ascoltare l’audio in cuffia mentre si registra sarà possibile collegare una cuffia USB-C.

Anche qui il sistema AF è all'avanguardia, con 425 punti a rilevamento di fase e riconoscimento di occhi e visi per una maggiore facilità di utilizzo per chi vuole filmare con sistema AF. Il display è da 3 pollici e 1.04 milioni di punti in risoluzione, con funzionalità touch screen. Il mirino elettronico è 2.36m-dot OLED.

Difficile trovare una fotocamera migliore per video in questa fascia di prezzo, la Fujifilm X-T30 si presta per tutti gli appassionati ed offre una soluzione piuttosto geniale per chi è in cerca di una macchina ibrida da portare in viaggio sia per foto che per video.

​8. Panasonic Lumix G80

​La migliore mirrorless economica per video

Se siete in cerca di qualità prezzo ed avete un budget sotto i 1000 euro, la Panasonic G80 è una macchina piena di caratteristiche specificatamente adatte ai videomaker, capace di registrare in 4K e con schermo pieghevole per vlog.

Questa mirrorless ha un sensore micro quattro terzi Live-MOS da 16MP, senza filtro low-pass, sensibilità ISO 200-25600, registrazione video UHD 4K 30p 25p 24p 100Mbps, Full HD 1080p/60p 28Mbps.

Il corpo macchina presenta un ingresso per microfono esterno, ed è anche presente un sistema di stabilizzazione interno Dual I.S. che combina la stabilizzazione interna al corpo macchina con la stabilizzazione dell’ottica (disponibile con ottiche compatibili).

La tecnologia del sistema AF è il DFD (Depth-From-Defocus) di Panasonic, a rilevamento del contrasto, abbastanza buona per diversi scenari e per tracciare soggetti in movimento.

Per chi invece preferisce usare il fuoco manuale per registrare video, grazie alla funzione focus peaking presente in questa fotocamera sarà più semplice calibrare il punto di messa a fuoco guardando lo schermo o attraverso il EVF.

Il mirino è di buona qualità, al pari delle concorrenti più costose, con 2.36 milioni di punti in risoluzione, chiaro e ben visibile, piacevole da utilizzare in tutte le condizioni di luce.

Per chi è alla ricerca di una soluzione dal prezzo contenuto per video vlog e per piccole produzioni YouTube, la Panasonic G80 ha tutto quel che serve ed è una delle poche ad offrire una combinazione di schermo ribaltabile, video 4K, ingresso microfono e stabilizzazione in una fascia di prezzo così bassa.

​9. Panasonic Lumix G7

​La mirrorless entry level con grandi capacità video

Ad un prezzo ancora più conveniente e con caratteristiche adatte per chi inizia e per gli appassionati videomaker, ecco un’altra fotocamera Panasonic da prendere in considerazione per piccole produzioni video amatoriali.

Come tutte le altre fotocamere Panasonic di serie G, anche la G7 offre un sensore micro quattro terzi, la risoluzione qui è di 16MP, anche qui è presente un EVF di buona qualità ed uno schermo LCD completamente articolato.

La differenza più importante, per videomaker, tra la G7 e la G80 è l’assenza di stabilizzazione interna. Consigliamo quindi di valutare l’acquisto di ottiche stabilizzate per ovviare al problema, oppure di utilizzare stabilizzatore o treppiede per la registrazione di filmati.

Nel mercato delle ottiche micro quattro terzi, ci sono molte opzioni attualmente disponibili con stabilizzazione, non dovrebbe essere un grosso problema trovare l’ottica giusta per le vostre necessità.

Il sistema di messa a fuoco offre 49 punti AF a rilevamento del contrasto, con funzione intelligente di riconoscimento del volto per poter tracciare il soggetto all’interno del frame e mantenere il fuoco sempre in posizione corretta.

Anche questa macchina è in grado di catturare filmati 4K, in questa modalità le opzioni disponibili sono 3840 x 2160 a 30,25,24,20 fps con bit-rate 100 Mpbs. In risoluzione Full HD è possibile registrare con un frame rate fino a 60 fps 28Mbps, per poter produrre filmati anche in slow motion.

Per registrare audio di qualità, è presente una porta microfono esterno da 3.5 mm, ma non è disponibile un’uscita cuffie per monitorare durante la registrazione.

​10. Panasonic GX80

​La mirrorless di fascia bassa per iniziare 

Se il vostro budget è di circa 500 euro per fotocamera e obiettivo, una delle fotocamera che possiamo consigliare più vivamente è la Panasonic GX80, macchina fotografica mirrorless per principianti piena di ottime qualità sia nel settore fotografico che video.

Il sensore è da 16MP senza filtro low-pass, qualità che offre migliore nitidezza dell’immagine ma che apre le porte a possibili effetti moiré, da fare attenzione quando utilizzerete la fotocamera con certi pattern.

Qualità che non si trova generalmente in una fotocamera entry level, la Panasonic GX80 è provvista di stabilizzazione Dual I.S. che funziona sia per foto che per video, ottima dunque per video filmati a mano libera senza l’utilizzo di treppiede e stabilizzatore esterno.

Anche qui troviamo risoluzione 4K 3840 x 2160 fino a 30 fps e con bit-rate 100Mbps, 1080/60p a 28Mbps, 1080/30p a 20Mbps e 720/30p a 10Mbps.

Con un display touch screen che può essere articolato in alto e in basso, un EVF da 2.76m-dot, 49 punti AF con tecnologia di riconoscimento del volto, la Panasonic GX80 è la compagna ideale per il fotoamatore e videomaker principiante che vuole una mirroless con obiettivi intercambiabili per dare sfogo alla propria creatività.

Condividi