miglior zaino fotografico Classifiche

I 10 Migliori Zaini Fotografici per Fotocamere e Attrezzatura


​Per portare con sé la fotocamera e mantenere l'attrezzatura fotografica protetta, ben organizzata e a portata di mano, ecco la lista aggiornata dei migliori zaini fotografici da acquistare in questo momento.

​Lo zaino fotografico ci permette di trasportare la nostra attrezzatura in modo sicuro quando usciamo con la fotocamera.

Per essere veramente utile (i fotografi lo sanno) deve essere comodo e facilmente accessibile anche nelle situazioni più avventurose, ed avere spazio a sufficienza per trasportare corpi macchina, obiettivi ed accessori in modo ordinato e organizzato.

Alcuni fotografi preferiranno scegliere uno zaino leggero, di piccole dimensioni, magari per uscite di trekking, passeggiate in montagna o per la città, altri saranno più rivolti verso uno zaino per fotocamera che contenga la maggiore quantità possibile di attrezzatura per uscite professionali.

In ogni caso, prima di acquistare lo zaino fotografico, considerate tutte le necessità e le caratteristiche importanti per le vostre esigenze, così da scegliere il migliore in fase d’acquisto.

La caratteristica che consigliamo di mettere al primo posto è la qualità costruttiva, poiché lo zaino conterrà attrezzatura costosa e che sicuramente vorrete proteggere.

Ci sono inoltre diversi livelli di protezione. Se dovrete usare la fotocamera in ambienti anche bagnati, esistono zaini fotografici impermeabili, ma se il vostro scopo è semplicemente girare per la città per scattare foto e fare video, uno zaino con livello di protezione di base sarà sufficiente.

Fortunatamente, al contrario di qualche tempo fa, oggi esistono numerose opzioni e diversi modelli, per tutti i gusti e tutte le fasce di prezzo, a tutte le dimensioni e per tutti i tipi di fotografo.

Vediamo ora quali sono i migliori modelli di zaino fotografico attualmente disponibili per rapporto qualità prezzo, dagli zaini professionali ai modelli economici, per le diverse esigenze di spazio e tipologia di utilizzo.

​1. Lowepro Dryzone 200

​Lo zaino fotografico Lowepro impermeabile

Per il fotografo d’avventura che ha spesso a che fare con pioggia, cascate, zone bagnate, ambienti umidi e polverosi, questo zaino reflex impermeabile è il meglio che possiate acquistare, poiché fornisce completa protezione e totale resistenza ad agenti esterni.

Ad assicurare il fattore di impermeabilità è la presenza di una speciale cerniera brevettata TIZIP che fornisce le stesse caratteristiche di una muta subacquea. Lo strato subacqueo è poi seguito da una normale zip interna per avere accesso alla strumentazione.

Se si visitano luoghi bagnati è consigliato utilizzare quindi la chiusura TIZIP, che si potrà invece lasciare aperta se non serve, per avere accesso più rapido alla macchina fotografica in situazioni normali.

Le tasche interne personalizzabili possono contenere una reflex con obiettivo, 5 obiettivi extra, flash e accessori, con attacco esterno per treppiede. Le tasche esterne sono costruite in modo da favorire il drenaggio dell’acqua, la schiena è progettata per supporto lombare.

Questo zaino reflex professionale impermeabile è adatto al fotografo che esce in mare, per ambienti molto ostili e dove è necessaria la totale protezione e impermeabilità.

Non lo consigliamo a chi cerca uno zaino tuttofare per utilizzo di tutti i giorni, perché l’accesso all’attrezzatura fotografica non è agile quanto quella degli altri zaini, e questo potrebbe causare un po’ frustrazione.

Altro aspetto da considerare è che l’attacco per treppiede è posizionato nella parte frontale, poco adatto per treppiedi di grandi dimensioni ed aggiunge più peso sulla schiena se paragonato ad altri modelli che offrono l’attacco più vicino alle spalliere.

​2. Peak Design Everyday Backpack

​Il miglior zaino fotografico per street photography ed eventi

Peak Design è una marca di accessori per fotografia che produce zaini e borse fotografiche dal design accattivante, a nostro avviso lo stile Peak Design è la giusta combinazione tra il tecnico e il classico, gli zaini si confondono bene tra il pubblico senza essere troppo vistosi e non sono palesemente zaini fotografici.

Disponibile in diversi colori nero, grigio chiaro, grigio scuro e marrone, e in due formati da 20 litri e 30 litri. Il materiale esterno è in nylon canvas impermeabile e doppio padding, protegge bene da agenti atmosferici e spruzzi d’acqua, ed è resistente ad urti e cadute.

Il meccanismo di apertura è incredibilmente intelligente, poiché permette di accedere al contenuto senza doversi togliere lo zaino di dosso. Basterà sfilare una delle due spalline, far passare lo zaino in fronte sulla pancia e tramite zip laterale si avrà accesso ai reparti.

Questo è un ottimo compromesso per chi cerca uno zaino che ha un tipo di utilizzo da borsa fotografica, per avere accesso quasi immediato all’attrezzatura, particolarmente utile per street photography, per matrimoni ed eventi, dove il fotografo si trova spesso a dover accedere velocemente alla reflex.

Per avere questo tipo di meccanismo, Peak Design ha dovuto progettare i reparti interni in maniera meno convenzionale, per avere appunto un accessibilità laterale piuttosto che dallo schienale come ad esempio gli zaini Lowepro.

Avrete anche una miriade di piccole tasche e scomparti per effetti personali e piccoli accessori come schede di memoria. Il flap principale posizionato sulla parte superiore è il meccanismo a tipo Mag Latch brevettato che troverete solo in prodotti Peak Design, ci si mette un po’ ad abituarsi al funzionamento ma una volta imparato, è comodo da usare e molto sicuro.

Sempre accessibile dalla parte superiore tramite zip dedicata, c’è spazio per il computer portatile che scivola lungo lo schienale dello zaino e protetto da padding.

Ottima la presenza di maniglie posizionate in punti strategici per manovrare lo zaino a piacimento anche quando non lo si porta in spalla, si può anche posizionare il treppiede nelle tasche laterali e fissarlo utilizzando gli strap dedicati.

​3. Manfrotto MB MP-BP

​Lo zaino fotografico Manfrotto per professionisti

Quando si parla di accessori per fotocamera SLR, Manfrotto è una delle marche top di gamma, e quando si acquista uno dei suoi prodotti si può star certi che la qualità è superlativa.

Anche nel settore delle borse e zaini per fotografia, questo brand è in grado di soddisfare qualsiasi tipo di esigenza, ad un prezzo un po’ premium si sà, ma vale la pena spendere qualcosa in più per un prodotto che dura nel tempo e che viene utilizzato costantemente.

Lo zaino per macchina fotografica Manfrotto MB MP-BP è disponibile in tre dimensioni PRO 20, PRO 30 e PRO 50, a seconda delle necessità e del budget, e rappresenta la linea professionale di zaini fotografici di questa marca.

Il design esterno è totalmente nero, in stile tecnico ma semplice, con inserti rossi come tutti i prodotti Manfrotto.

Il livello di protezione è molto alto, ben imbottito grazie alla struttura Exo-Tough che è un rivestimento di tipo plastico resistente e coperto da uno strato di stoffa. In mano si sente che questo zaino è ben rivestito e che può tranquillamente sopportare urti e cadute.

Il materiale di rivestimento resiste a pioggia leggera e spruzzi, per pioggia più pesante c’è il marsupio dedicato che si può estrarre per coprire totalmente lo zaino.

All’interno dello zaino Manfrotto troverete scomparti padding molto spessi e ben foderati, per proteggere la macchina fotografica e gli obiettivi e fornire un buon livello di ammortizzazione.

La versione più grande può contenere una reflex professionale con obiettivo zoom montato, un secondo corpo macchina, 5 obiettivi, flash, computer portatile da 17” e accessori vari.

Per il treppiede, potrete usare il flap posto sotto lo zaino come appoggio, ed assicurarlo usando lo strap fornito, consigliamo questo utilizzo se avete un treppiede di grandi dimensioni. Per treppiedi più piccoli, si può anche utilizzare una delle tasche laterali, sempre fornite di cinghia strap per fermarne la corsa.

Come sempre, sono presenti molte tasche e scomparti per accessori di tutti i tipi, per mantenere organizzata la propria attrezzatura ed avere facile accesso ai diversi gadget ed effetti personali.

L’apertura superiore permette facile accesso alla macchina fotografica, mentre se vorrete avere una visione totale dell’attrezzatura contenuta dovrete togliere lo zaino dalle spalle, appoggiarlo ed aprirlo completamente, poco pratico per chi cerca una soluzione più snella e veloce.

Per contro, è ottimo per i fotografi professionisti che viaggiano e devono portare praticamente tutto lo studio fotografico con sé per poi averlo a disposizione appoggiato su una superficie vicina all’area di scatto.

​4. Manfrotto MB PL-3N1-36

​Lo zaino fotografico multiuso e versatile

Anche qui abbiamo uno zaino fotografico molto capiente e ben progettato, con diverse capacità di configurazione e di trasporto.

Quel che salta all’occhio è la possibilità di cambiare l’impostazione degli spallacci per poter essere trasportato in modalità classica, oppure con spallacci incrociati, o in modalità monospalla.

Questo tipo di versatilità vi permette di decidere come utilizzare questo zaino a seconda delle diverse necessità. La versione monospalla è utile quando dovete accedere frequentemente all’attrezzatura, così da poter far scivolare lo zaino da schiena a pancia, aprire lo scomparto laterale ed estrarre la fotocamera SLR.

Per chi deve trasportare molta attrezzatura, per fotografi che vogliono inserire più corpi macchina o per videografi che hanno videocamere anche di una certa dimensione come la Canon C100, oppure per droni non pieghevoli come il DJI Phantom, questo zaino per fotocamera è l’acquisto ideale per chi NON viaggia leggero.

Ci sono diverse zip di accesso ai vani interni, quella superiore, quella principale attorno al corpo dello zaino e quelle laterali. Ovviamente sarà possibile customizzare i reparti interni per trovare la giusta configurazione per le vostre esigenze.

Come al solito, è possibile agganciare un treppiede tramite cinghia di fissaggio, ed è presente un telo di copertura antipioggia estraibile che ripara da pioggia e calore. Potrete anche inserire un PC portatile nel vano dedicato, con fodera imbottita per proteggerlo dagli urti.

A differenza dello zaino Manfrotto MB MP-BP descritto sopra, questo modello è più facile da utilizzare quando dovrete accedere all’attrezzatura in maniera frequente, grazie appunto alle diverse opzioni di trasporto e utilizzo, che non vi costringono a sfilare completamente ed appoggiarlo a terra.

​5. Lowepro ProTactic BP 350 AW II

​Il miglior zaino fotografico per aereo

Una delle caratteristiche più innovative degli zaini Lowepro è la capacità di attaccare accessori modulari per espandere le capacità di trasporto.

Per coloro che non vogliono uno zaino di grandi dimensioni ma vogliono rimanere abbastanza leggeri, per poi espandere le opzioni a seconda delle proprie esigenze, il ProTactic BP è la scelta ideale.

L’esterno dello zaino è fornito di fibbie sulle quali potrete inserire gli accessori Lowepro compatibili, come ad esempio la tasca di supporto per il treppiede o la tasca per bottiglie.

Per offrire maggiore supporto, è presente una cintura anch’essa estraibile, ed anch’essa completa di tasche per accessori. Grazie alla cintura potrete sfilare gli spallacci e orientare lo zaino in posizione frontale per avere accesso all’attrezzatura.

Lo spazio porta reflex è abbastanza capiente per una reflex con obiettivo 24-70mm f/2.8, drone pieghevole come il DJI Mavic, pc portatile ed altri accessori. In una tasca nascosta sotto lo zaino, troverete la copertura per pioggia da estrarre ed utilizzare all’occorrenza.

Molto comodo da portare in spalla anche per tempi lunghi, grazie al design della spalliera in materiale traspirante e con distribuzione intelligente del peso, le dimensioni sono adatte per trasporto in cabina quando si viaggia in aereo, utile per chi viaggia molto.

Per chi ha bisogno di più spazio, c’è anche la versione più grande ProTactic BP 450. Gli accessori compatibili aggiungeranno un po’ di spesa all’acquisto totale, ma ci piace la possibilità di poter scegliere quali accessori ci servono di più, oppure mantenere lo zaino così com’è senza aggiungere altro.

​6. Manfrotto Bumblebee

​Il miglior zaino fotografico qualità prezzo per professionisti

Altro zaino fotografico molto popolare tra i fotografi esperti e professionisti è il Manfrotto Bumblebee, disponibile in diverse dimensioni e dai classici colori Manfrotto, nero con rifiniture rosse.

Una delle caratteristiche più utili di questo modello è la capacità di poter suddividere il comparto superiore da quello inferiore tramite zip interna, ad esempio se vorrete riporre oggetti personali nella parte superiore e tenere l’attrezzatura separata nella parte inferiore.

Quando lo zaino è totalmente utilizzato per attrezzatura fotografica, una possibile configurazione è una reflex con teleobiettivo 70-200mm più 8 obiettivi, oppure una lente 400mm e 3 altri obiettivi. C’è spazio per un laptop, nell’apposita tasca protetta da padding.

Lo zaino è molto comodo da trasportare, con sistema traspirante e distribuzione del peso ottimale per spalle e schiena. La struttura esterna è costituita da materiale idrorepellente, per essere utilizzato anche quando le condizioni atmosferiche sono avverse.

Per condizioni ancora più difficili e pioggia torrenziale, è disponibile la copertura antipioggia estraibile, che protegge anche da alte temperature e raggi solari.

Trasportabile come bagaglio a mano quando si viaggia in aereo, anche questo zaino porta reflex è ottimo per il professionista che ha bisogno di spostare una grande quantità di attrezzatura d’alto valore, la qualità costruttiva dei prodotti Manfrotto è garanzia di durevolezza e affidabilità.

​7. Lowepro Photo Sport 200 AW II

​Il miglior zaino fotografico per trekking

Forte della sua esperienza nel progettare soluzioni di trasporto per fotografia, Lowepro ha pensato bene di fornire una soluzione perfetta per i fotografi a cui piacciono le escursioni.

Questo modello ricorda infatti più uno zaino da trekking che uno zaino fotografico, dal design simile agli zaini dedicati a questo tipo di attività, e con un sacco di opzioni pensate proprio per i fotografi d’avventura.

È disponibile in due grandezze da 20 e 30 litri, il 200 AW II e il 300 AW II, e in due opzioni colore blu e nero. È ovviamente utilizzabile sia come zaino per trekking normale, oppure come zaino fotografico, a seconda che vogliate prendere vantaggio degli elementi interni o meno.

Gli elementi importanti per l’utilizzatore di questo tipo di prodotto ci sono tutti, spallacci foderati e comodi da indossare, schienale tecnico ActivZone traspirante, peso ben distribuito, cintura strap, numerose tasche multiuso e punti di ancoraggio.

La tasca laterale è costruita in materiale elastico e può servire a diversi scopi, anche per il trasporto di un treppiede o monopiede leggero, bloccato da fibbia nella parte superiore per fermarne la corsa.

La parte frontale è fatta dello stesso materiale elastico ed è perfetta per custodire effetti personali, caschetto per mountain bike, maglia di ricambio, cibo o altri accessori.

Non ci sono cerniere per chiudere questo reparto, ma è mantenuto chiuso tramite fibbie sul retro che la mantengono in tensione.

Nella parte posteriore lungo lo schienale c’è anche un comparto dedicato (ed isolato dal resto dello zaino) per borsa d’acqua da 2 litri, dettaglio pensato apposta per attività di trekking e sport in genere.

La parte inferiore della borsa nasconde una fessura dalla quale estrarre la copertura impermeabile per pioggia, per quelle situazioni di pioggia imprevista e per mantenere il contenuto asciutto e protetto.

​8. Lowepro Flipside 400 AW II

​Lo zaino fotografico antifurto migliore per qualità prezzo

Per chi è in cerca di uno zaino per fotografia da usare tutti i giorni, con caratteristiche adatte alla maggioranza dei fotografi entusiasti e professionisti, ecco una soluzione Lowepro ricca di opzioni intelligenti, ad un prezzo di fascia medio-bassa, anche qui disponibile in diverse dimensioni a seconda delle esigenze.

Quando era uscita la prima versione di questo zaino, anni fa, il Lowepro Flipside era uno dei primi ad avere questo intelligente meccanismo di apertura con zip lungo lo schienale, piuttosto che nella parte frontale.

Questa particolarità raggiunge due risultati, il primo di essere praticamente antifurto, perché non c’è accesso alle zip quando è indossato, il secondo di essere utilizzabile senza toglierlo, basta sfilare gli spallacci e ruotarlo di fronte (avendolo agganciato in cintura) per avere accesso al contenuto.

La versione 400 AW II contiene una fotocamera reflex con obiettivo 300mm montato, da 4 a 6 obiettivi aggiuntivi, un flash o drone compatto, pc da 15 pollici, tablet, e treppiede di medie dimensioni.

Il guscio esterno è progettato per resistere a pioggia leggera, per situazioni più bagnate c’è poi la copertura opzionale impermeabile. L’attacco per treppiede avviene nella parte frontale, tramite tasca che appare dal fondo per appoggio e fibbia superiore per assicurare il cavalletto.

C’è la tasca laterale elastica per bottiglia d’acqua, la tasca frontale per accessori, una fibbia laterale per agganciare eventuali accessori Lowepro compatibili, e gli scomparti interni in velcro sono customizzabili per avere totale controllo nella configurazione del reparto principale per fotocamera e attrezzatura.

Il design è molto semplice, nero, attrae poco l’attenzione, ed ha una forma tipica dello zaino da viaggio.

A questo prezzo, non c’è da stupirsi che questo zaino fotografico sia uno dei più venduti, lo consigliamo a tutti i fotografi che cercano una soluzione professionale non troppo dispendiosa.

​9. K&F Concept

​Lo zaino fotografico da viaggio piccolo ed economico

Per chi cerca uno zaino fotografico dal look meno tecnico, questo modello costa poco ed offre tutte le caratteristiche adatte al fotografo, si vede che K&F Concept ha progettato lo zaino con la comodità in mente e ci piacciono le diverse opzioni di utilizzo per renderlo confortevole da utilizzare in molte situazioni.

Il materiale esterno è in stile jeans (il materiale effettivo è poliestere 600D) con inserti in pelle, il colore è accattivante e sembra più uno zaino da scampagnate che uno zaino per fotografia. Il guscio è idro-repellente e resiste a graffi, strappi e usura, il reparto per fotocamera non è raggiungibile dall’apertura superiore o dalla tasca frontale, buono quindi per livello di protezione e antifurto.

Attraverso l’apertura superiore, avrete accesso ad uno spazio che potrete utilizzare per effetti personali e vestiti di ricambio.

Per accedere ai divisori interni, ci sono due opzioni, attraverso la zip sullo schienale quando lo zaino è appoggiato su una superficie, oppure tramite zip laterale quando lo si indossa, basta sfilare la spallina sinistra e far scivolare lo zaino sul fianco destro per accedere alla fotocamera.  

Essendo lo zaino di dimensioni ridotte, non potrete inserire moltissima attrezzatura, ma andrà benissimo per una fotocamera digitale con obiettivo montato, più alcuni altri accessori, incluso un tablet o computer portatile fino a 11 pollici.

Nascosto all’interno della tasca superiore c’è il telo copertura impermeabile per situazioni di pioggia pesante e per evitare che l’acqua entri nelle aperture, c’è anche una soluzione per trasportare un treppiede di medie dimensioni sul lato con tasca dedicata e fibbia di ancoraggio. 

​10. Beschoi 813010001

Il miglior zaino fotografico economico

Per utilizzatori sporadici e per non spendere cifre alte, uno dei migliori prodotti è lo zaino Beschoi 813010001, tra i più gettonati nell'ambiente della fotografia amatoriale proprio per il prezzo conveniente e le ampie capacità.

Adatto per trasportare un corpo macchina con obiettivo montato, da 4 a 6 obiettivi aggiuntivi, flash, PC portatile 13 pollici, treppiede leggero e altri piccoli accessori.

Il guscio è in materiale idrorepellente con cuciture rinforzate e sistema zip antifurto. Gli spallacci e lo schienale sono foderati e comodi da indossare, e gli scomparti interni sono configurabili a seconda delle esigenze tramite inserti in velcro.

Le caratteristiche di uno zaino per attrezzatura fotografica ci sono tutte, e la qualità costruttiva è abbastanza buona ma forse meno durevole di uno zaino professionale, quindi non andrebbe utilizzato pesantemente e tutti i giorni, meglio per entusiasti della fotografia che escono occasionalmente con la macchina fotografica.

L’utilizzo è basilare, è necessario togliere lo zaino, appoggiarlo su di una superficie ed aprire la zip per prendere la camera e iniziare a scattare, non ci sono aperture laterali per avere accesso all'attrezzatura mentre lo si indossa.