I 10 Migliori Microfoni Esterni per Reflex e DSLR 2020

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Se state cercando un buon microfono esterno per la vostra reflex o fotocamera DSLR, questa guida fa al caso vostro. Che si tratti di girare un film indipendente, un clip musicale, un documentario o un semplice video amatoriale da caricare sul vostro canale YouTube, la qualità del suono può davvero fare la differenza. Vediamo come scegliere il modello più adatto alle proprie esigenze e scopriamo quali sono i migliori microfoni per reflex in commercio.

La maggior parte delle fotocamere reflex DSLR sul mercato è dotata di microfoni interni accettabili. Ma accettabile non significa eccellente. Se volete essere certi di ottenere risultati di livello professionale, dovete acquistare a un microfono esterno.

Per coinvolgere lo spettatore la qualità audio è tanto importante quanto la qualità immagine. Un suono chiaro e pulito è fondamentale per mantenere viva l’attenzione e tenere le persone incollate allo schermo.

In commercio si possono trovare moltissime alternative per soddisfare ogni esigenza. Vediamo caratteristiche e tipologie dei migliori microfoni per reflex in circolazione.

Per facilitarvi nella scelta abbiamo selezionato i migliori modelli attualmente in commercio. La maggior parte dei microfoni nella lista sono shotgun, i più utilizzati dai videomaker, ma abbiamo incluso anche altre opzioni per soddisfare esigenze diverse.

1. ​​Shure VP83

​Un ottimo microfono per vlog

​Il Shure VP83 LensHopper è un microfono a condensatore per la macchina fotografica e per le riprese video. Lo consigliamo a chi deve ottenere un audio di alta qualità per vlog e per video artistici. Va molto bene anche per documentari dove serva una qualità audio di un certo livello.

Grazie al supercardioide troviamo che il Sure sia molto buono per direzionalità, i suoni laterali vengono attenuati considerevolmente, e il suono frontale risulta ben distinguibile.

C’è l’attacco per la slitta hot shoe della fotocamera, e il frame del microfono è progettato per attenuare al massimo le vibrazioni. Inoltre, il switch passa bassi aiuta ad eliminare alcuni rumori di fondo causati dalla manipolazione della fotocamera.

Lo abbiamo utilizzato per alcune ore come microfono per fotocamera Canon, per registrare alcune clip da inserire in un video semi-professionale, e dobbiamo dire che il risultato è molto soddisfacente.

Utilizzabile anche come microfono per videocamera, il Shure VP83 è provvisto di cavo integrato per il collegamento con la porta mini-jack, e necessita di una batteria AA per funzionare. La batteria dura moltissimo, e quando sta per esaurirsi la luce rossa sul microfono ci invita a sostituirla.

2. Sennheiser MKE 400

Alta precisione e buona autonomia

​Se siete in cerca del miglior microfono per reflex nella fascia media di prezzo, consigliamo di dare un’occhiata anche al Sennheiser MKE 400. Il prezzo è simile a quello del RODE VideoMic Pro, ma questo microfono direzionale è leggermente più lungo e permette di raggiungere la sorgente del suono con una precisione maggiore. Ha un filtro antivento, 300 ore di operatività e sistema antishock incorporato. Inoltre è possibile impostare la sensibilità per lunghe o corte distanze.

3. ​​Rode Videomic PRO +

​La versione migliorata di un microfono già molto buono

​Il Rode Videomic PRO Plus è la versione migliorata del Videomic PRO. Con questo microfono per reflex e mirrorless, RODE ha sistemato le piccole imperfezioni del reparto batteria e autonomia, rendendolo molto più comodo da utilizzare.

In specifico, ora abbiamo uno sportello per la batteria che non cade ogni volta che cerchiamo di aprirlo, e invece di accettare solo batterie da 9 volt, ora è possibile alimentare il microfono in tre modi: batteria al litio dedicata (ricaricabile), 2 batterie AA, presa micro-USB.

Inoltre, quando si stacca il cavo mini-jack dalla fotocamera, il microfono si spegne automaticamente, per evitare di doverlo spegnere manualmente ogni volta.

La performance audio è simile a quella del Videomic PRO, forse addirittura un po’ migliore nell’attenuazione del rumore di fondo e del vento, e per questo lo consigliamo ampiamente come microfono per esterno. Le dimensioni sono più importanti, questo è un microfono che non è proprio piccolo, nè leggero, quindi lo consigliamo a chi non ha problemi di spazio e trasporto.

4. Rode Stereo VideoMic

Il miglior microfono di fascia alta

​Il Rode Stereo VideoMic è un microfono per DSLR e mirrorless, di qualità eccezionale, con prezzo di fascia alta. Se non avete problemi di budget è semplicemente meraviglioso e vale la spesa. È particolarmente buono per la registrazione di suoni ambiente e musica live, se invece dovete registrare dialoghi meglio optare il VideoMic Pro visto in precedenza.

5. ​Rode Wireless Go

​Il miglior microfono wireless portatile

​Il Wireless Go è il miglior microfono wireless se state cercando un modello di piccole dimensioni. E’ composto da due unità, un ricevitore ed un trasmettitore, che comunicano tra di loro tramite connessione digitale wireless 2.4GHz, con un range di 70 metri.

La qualità del suono è veramente buona, questo lo possiamo confermare dopo alcuni test effettuati. Infatti, non notiamo particolari differenze tra questo modello e il RodeLink Filmmaker kit. Con il vantaggio che questo è molto più piccolo, leggero, e con batteria ricaricabile tramite porta USB-C.

Comodissimo da portare in giro, porta via pochissimo spazio nella borsa, lo consigliamo a chi vuole tagliare drasticamente sul peso dell’attrezzatura video. Va bene per progetti video anche professionali, ad esempio per filmare un’intervista, ma consigliamo l’utilizzo in un luogo chiuso senza molte interferenze, perché la stabilità della connessione wireless a volte potrebbe essere poco affidabile.

6. ​Rode Lavalier Go

​Lavalier professionale per trasmettitore wireless

​Il Lavalier Go è la soluzione perfetta per complementare il Wireless GO. Quest’ultimo infatti, registra audio direttamente dall’unità trasmettitore, tramite microfono integrato, ma ha anche la possibilità di collegare un lavalier tramite porta mini-jack. Ecco allora che il Lavalier Go potrebbe essere la soluzione ideale.

Non solo per il Wireless Go, il Lavalier Go può essere collegato a qualsiasi trasmettitore wireless che accetta un microfono di questo tipo, se quindi siete alla ricerca di un nuovo lavalier perché avete perso (o distrutto) il vostro modello attuale, questa è la soluzione qualità prezzo che più vi consigliamo.

La qualità dell’audio è di livello broadcast, va benissimo per fare interviste e per produzioni di video professionali. Il microfono è omni-direzionale, e anche se dovete metterlo di fretta sulla giacca dell’intervistato per un video veloce, saprà catturare la voce in maniera pulita ed efficace senza doverlo posizionare perfettamente.

7. Tascam TM-2X

Suono stereo e prezzo accessibile

Il Tascam TM-2X è un microfono molto interessante e molto accessibile. È consigliato per una vasta gamma di registrazioni, ma bisogna accertarsi di mantenere le fonti sonore in posizione frontale. Il vantaggio di avere due microfoni è la possibilità di ottenere un suono stereo per aggiungere profondità all’audio. Inoltre, questo modello funziona con la batteria della fotocamera e non necessita di batterie proprie. Decisamente un’ottima alternativa.

8. ​RODELink Filmmaker Kit

​Il miglior lavalier wireless qualità prezzo

​Tra i migliori microfoni wireless per reflex e mirrorless, il RODELink Filmmaker Kit offre ottime prestazioni e buona affidabilità.

Composto da un ricevitore e trasmettitore wireless, più microfono lavalier, può essere utilizzato per registrare un video YouTube dall’ottima qualità audio, oppure per filmare un’intervista.

La connessione wireless ha un range di circa 100 metri, ed entrambe le unità sono alimentate da un paio di batterie AA, con buona autonomia per filmare anche durante un evento di lunga durata.

Il microfono è omni-direzionale, e la qualità audio è di ottimo livello. Si possono utilizzare gli attenuatori in spugna o il mini-gatto per il vento per evitare rumori di fondo, e per minimizzare i rumori creati dallo sfregamento del lavalier sulla maglia della persona che lo indossa.

9. Rode VideoMicro

​Microfono per fotocamera piccolo e compatto

​Nella fascia economica di prezzo, il VideoMicro è una soluzione intelligente come microfono per la macchina fotografica. Oltre al prezzo, è interessante per le dimensioni compatte. È molto discreto e torna utile nelle situazioni in cui non si vuole attirare troppo l’attenzione. Inoltre, significa meno ingombro e meno peso, cosa che non guasta. Certo, in alcune situazioni è necessario un modello più grande e professionale, ma per chi è agli inizi e per chi cerca qualcosa di economico e quasi invisibile è un’ottima alternativa.

10. Sennheiser MKE 600

​Microfono direzionale professionale per videocamera e fotocamera reflex

​Il Sennheiser MKE 600 ha una qualità audio notevole, ed è uno dei migliori microfoni esterni professionali. Utilizza un connettore XLR (e non un piccolo jack 3.5mm come la maggior parte dei microfoni per reflex), per questo lo consigliamo a chi utilizza un registratore separato, oppure per chi ha una fotocamera che accetta un adattatore XLR.

Inoltre, il MKE 600 è uno dei migliori microfoni esterni per videocamera professionale, da utilizzare per registrazioni di qualità sopraffina.

Una caratteristica interessante del MKE 600 è l’opzione “phantom power”: non serve una batteria perché viene alimentato dalla fotocamera stessa.​​

Come scegliere un buon microfono per reflex: tipologie e caratteristiche

La scelta di un microfono esterno per Reflex dipende molto dalle proprie necessità e da ciò che si vuole realizzare. La prima scelta da fare, è su quale tipo di microfono orientarsi. Le tipologie di microfono esterno più diffuse sono:

  • Shotgun: i più utilizzati in assoluto. Si posizionano sopra la fotocamera stessa e sono efficaci in ogni situazione. Lo shotgun è generalmente il miglior microfono nella maggior parte delle situazioni.
  • Lavalier: ideali per interviste, recensioni, vlogging e broadcasting. È il tipo di microfono che si aggancia sugli abiti vicino alla bocca di chi parla. Può essere con filo o senza, è estremamente pratico ed è la scelta ideale quando serve un microfono che catturi il suono da una fonte sonora molto ravvicinata (es. appunto la bocca).
  • Gelato: i classici microfoni da tenere in mano molto usati in ambito giornalistico. Gli intervalli di frequenza di questo tipo di microfono non sono così ampi, ma in realtà può essere un vantaggio dal momento che la persona intervistata o la scena giornalistica, spesso non hanno bisogno di sensibilità extra, ma semplicemente che il microfono catturi il suono di fronte e senza rumori di fondo.

Altre caratteristiche da tenere in considerazione sono:

  • Budget: in generale i microfoni esterni non sono troppo costosi, ma esistono diverse fasce di prezzo. Alcuni costano meno di 50€ mentre altri superano i 300€. Quanto volete spendere?
  • Accessori: peluche antivento, binario per attaccare accessori extra alla fotocamera, treppiede. Alcuni modelli vengono venduti con qualche accessorio aggiuntivo incluso, altri invece no. Controllate cosa comprende la confezione e, nel caso, mettete in conto una spesa in più per acquistare ciò che vi serve.
Condividi