miglior fotocamera economica Classifiche

Le 10 Migliori Fotocamere Economiche per Iniziare


​Cerchi una macchina fotografica di buona qualità ma senza spendere troppo? Ecco quali sono le migliori fotocamere economiche in commercio coi prezzi più competitivi e la migliore qualità immagine.

​Il mercato dell’attrezzatura fotografica sta marciando a grande velocità, le case di produzione fanno uscire prodotti sempre più tecnologicamente avanzati ed un modello di macchina fotografica spesso viene sostituito abbastanza in fretta dal modello successivo, con regolare aggiornamento dei prezzi.

Questo processo rende possibile acquistare fotocamere uscite poco tempo fa, con buone caratteristiche tecniche e a prezzi competitivi. Basta infatti guardare con attenzione le specifiche delle versioni passate e confrontarle con quelle appena uscite, e scopriremo che le differenze non sono certo abissali.

Il termine fotocamera economica è soggettivo, dipende dal budget e dalle esigenze personali, in questa guida all'acquisto abbiamo selezionato modelli che coprono le quattro categorie di fotocamera: compatta, bridge, reflex e mirrorless, in una fascia di prezzo tra i 250 e i 700 euro circa (i prezzi sono sempre in aggiornamento).

Abbiamo scartato a priori le fotocamere compatte molto economiche, ovvero quelle con qualità fotografica paragonabile (e talvolta inferiore) ad uno smartphone, poiché riteniamo più utile individuare quali sono le macchine fotografiche che forniscono una qualità immagine tale da giustificare l’acquisto di una vera macchina per fotografia e video.

Andiamo quindi nel dettaglio e vediamo quali sono le migliori fotocamere economiche da acquistare, partendo dalle digitali compatte e bridge per poi passare alle reflex DSLR e mirrorless.

​1. Sony Cyber-shot RX100 III

​La miglior fotocamera compatta economica e avanzata

La fotocamera digitale punta e scatta più avanzata di Sony è arrivata oggi alla sua settima versione, con la Sony RX100 VII appena uscita e nettamente superiore tra le compatte di fascia alta. La RX100 III è la terza di questa serie, uscita nel 2012, si tratta di un modello molto avanzato per quell’annata e per questo ci sentiamo di poterla riproporre come buona fotocamera economica per il 2019-20.  

Per una fotocamera digitale compatta di queste dimensioni, l’integrazione di un sensore da 1 pollice è il motivo principale che la distingue dalla concorrenza che solitamente adotta sensori più piccoli per questa categoria. La qualità immagine è superiore ad uno smartphone grazie appunto al sensore Exmor R CMOS da 20.1MP.

La gamma focale offerta dall’obiettivo è buona per la fotografia di tutti i giorni, con zoom ottico da 24 a 70mm equivalenti, e apertura massima di f/1.8-2.8 per poter fotografare anche quando la luce è scarsa e per ottenere un buon effetto bokeh sullo sfondo del soggetto.

La tecnologia SteadyShot aiuta a stabilizzare l’immagine quando si fotografa a mano libera, ed è anche disponibile un filtro ND a tre stop integrato, molto utile per poter fotografare con l’apertura desiderata anche quando c’è molta luce.

La lente Zeiss è di qualità, con elementi rivestiti in materiale anti-riflesso, per ridurre flare e ghosting e produrre immagini dall’alto livello di contrasto e nitidezza.

Avrete a disposizione un display LCD inclinabile ed un mirino elettronico da 1440k-dot. Per mantenere le dimensioni compatte, il mirino è di tipo pop-up, estraibile dal corpo macchina quando serve. Per trasferire foto su smartphone c’è la tecnologia wireless WiFi e NFC.

Per chi vuole registrare video, la RX100 III offre capacità Full HD 1080p a compressione MPEG-4 AVC/H.264 a 50 Mbps con frame fino a 60 fps per video anche slow motion. Tramite uscita HDMI è anche possibile far uscire un segnale video non-compresso su registratore esterno.

Al confronto con fotocamere compatte di oggi, questa macchina fotografica è ancora al passo con le tecnologie più avanzate, per chi non vuole spendere le cifre alte delle nuove versioni di questa serie, la Sony RX 100 III è altamente consigliata.

​2. Canon PowerShot G7 X MARK II

La fotocamera compatta per vlog e YouTube

Questa macchina fotografica di Canon è diventata incredibilmente popolare soprattutto per i video blogger (vedi qui le migliori fotocamere per vloggers), la nuova versione è appena uscita e come al solito Canon non ha aggiunto moltissime novità, rendendo la G7 X MARK II ancora perfettamente appetibile soprattutto per chi non ha grandi necessità.

A rendere questa compatta interessante è la presenza di un sensore da 1 pollice con obiettivo zoom 24-100mm equivalenti, apertura  f/1.8-f/2.8 e display che si può orientare in alto per scatti selfie e vlog, con capacità video Full HD.

Le performance della macchina sono rese possibili dal processore DIGIC 7, con sistema AF affidabile e facile da usare, sensibilità ISO che arriva fino a 12800 e capacità di realizzare scatti di buona qualità anche quando la luce non è ottimale.

La versatilità dell’obiettivo è uno dei fattori più invitanti nell’acquisto di questa fotocamera compatta, una gamma focale da 24 a 100mm è infatti ideale per numerose situazioni, anche per ritratti con teleobiettivo. Si sottolinea il fatto che l’apertura del diaframma è di massimo f/2.8 a zoom completamente esteso, per ottimi risultati di sfocatura dello sfondo e luminosità della foto.

Il corpo macchina è abbastanza compatto da poter essere tranquillamente trasportato nella borsa senza aggiungere troppo peso, ma anche abbastanza corposo da poter assicurare una presa stabile e sicura, con controlli manuali e piacevole da utilizzare a due mani. C’è il display articolato per scatti selfie (si alza sopra il corpo macchina), non è presente un mirino, e il flash è di tipo pop-up.

Per fotografia in scatto continuo di soggetti in movimento, la velocità massima è di 8 fps. La qualità video è 1080p fino a 60 fps in formato MP4. Il sistema AF funziona molto bene sia in modalità foto che video, morbido e affidabile come da standard per le fotocamere Canon.

​3. Panasonic Lumix FZ82

​Per chi vuole uno zoom potente senza spendere molto

Per chi è in cerca di una bridge dal prezzo basso ma dalle buone capacità in qualità fotografica e zoom di lunga portata, la Panasonic Lumix FZ82 rappresenta una scelta intelligente, con un buon mix di specifiche tecniche ad un budget poco impegnativo.

Il sensore MOS è da 18MP con dimensioni 1/2.3", obiettivo Lumix DC Vario con zoom ottico 60x che copre lunghezze focali equivalenti a 20-1200mm, per poter avere a disposizione in un dispositivo unico tutte le focali per fotografia di paesaggio, ritratto, street photography e teleobiettivo di lunga portata.

La caratteristica interessante è anche la presenza di un diaframma f/2.8-5.9, per avere buone performance anche quando si fotografa in condizioni di scarsa luce (nei limiti delle fotocamere bridge) con sensibilità ISO massima di 6400.

Il corpo macchina offre un display touch screen fisso da 1.04 milioni di punti in risoluzione, ed un mirino EVF da 1.166m-dot. La tecnologia POWER O.I.S. installata sull’obiettivo aiuta a mantenere l’immagine stabile, a meno che non si utilizzi lo zoom a lunga estensione nel qual caso consigliamo di utilizzare un treppiede.

Per scattare fotografie di soggetti in rapido movimento, la fotocamera è in grado di registrare 10 fotografie al secondo in modalità raffica, oppure è possibile sfruttare la modalità PHOTO 4K per produrre fotografie da 8MP a 30 fps.

La risoluzione video massima è il 4K, sono disponibili le modalità focus stacking e post focus, messa a fuoco manuale con focus peaking e anche la funzione touch AF per selezionare il punto di messa a fuoco attraverso lo schermo touch.

Non è sicuramente la fotocamera bridge più avanzata, alcune macchine fotografiche in questa categoria sono molto più capaci, con sensore più grande (fino a 1 pollice) e qualità fotografica maggiore, ma è anche vero che se ci alziamo nella fascia di prezzo sarà più conveniente considerare una mirrorless entry level con obiettivi intercambiabili, per questo suggeriamo la FZ82 a chi è in cerca di zoom di grande portata, perchè in altre categorie questa opzione non è disponibile in questa fascia di prezzo.

​4. Nikon D3500

​La reflex economica per imparare a fotografare in manuale

Per iniziare con la fotografia reflex la fascia economica di Nikon offre modelli che interesseranno ai fotografi che vogliono sperimentare con gli obiettivi intercambiabili, la Nikon D3500 è l’ultima arrivata tra le reflex entry level, ed è la versione successiva alla Nikon D3400.

Questa macchina fotografica è composta da sensore CMOS APS-C formato DX da 24.2MP, processore immagine EXPEED 4, sensibilità nativa da ISO 100-25600, scatto continuo da 5 fps e capacità di registrazione video in Full HD a 60 fps. L’assenza di un filtro low-pass sul sensore è sinonimo di migliore qualità immagine e maggiore livello di dettaglio.

Per rendere facile e veloce il trasferimento delle immagini su applicazione Snapbridge per cellulare, la macchina fotografica è provvista di connettività Bluetooth per mantenere una connessione costante tra i due dispositivi e condividere automaticamente immagini da 2MB pronte per social media.

Per chi deve imparare a utilizzare la reflex, il menu interno incorpora una modalità guida molto utile, per scoprire pian piano tutti i parametri di esposizione e ricevere un’introduzione graduale alle funzioni manuali.

Il corpo macchina è leggero e comodo da portare in giro se paragonata ad altre reflex, offre un display da 3 pollici con risoluzione 921.000 punti, mirino ottico a pentaprisma, ed è compatibile con obiettivi dall’attacco Nikon F. Il sistema AF è composto da 11 punti posizionati sulla parte centrale del frame, con capacità di messa a fuoco automatica tra -1 e +19 EV.

Essendo un modello di base, questa fotocamera è consigliata a chi è completamente ignorante in materia di fotografia professionale, poiché spenderete poco nell'acquistare il corpo macchina e una volta imparate le funzioni manuali potrete investire su obiettivi più qualitativi (qui la nostra classifica degli obiettivi per fotocamere Nikon).

​5. Canon EOS 200D

La reflex leggera con schermo articolato

Nella fascia appena sopra la entry level, la Canon EOS 200D presenta un ottimo rapporto qualità prezzo per chi deve iniziare con la reflex, gli aspetti interessanti di questo modello sono l’intercambiabilità degli obiettivi, la leggerezza e portabilità, la modalità guida per utenti inesperti e l’elevata qualità immagine nella sua categoria.

Il sensore è di tipo APS-C con 24.2 in risoluzione, processore immagini DiG!C 7, mirino ottico a pentaprisma, schermo LCD touch screen da 3 pollici con 1.04 milioni di punti vari-angle, modalità di scatto a raffica da 5 fps, 9 punti AF e capacità video Full HD 60 fps.

L’attacco obiettivi è di tipo Canon EF, esiste una schiera di ottiche incredibilmente ampia, a tutti i prezzi e per tutte le esigenze, sia prodotti da Canon che da terze parti come Sigma e Tamron, per avere totale libertà sulla scelta degli obiettivi compatibili.

Per condivisione delle foto in wireless, la fotocamera è completa di WiFi, NFC e Bluetooth, e la batteria ha un’autonomia di circa 650 scatti.

Il sistema AF è l’avanzato CMOS Dual Pixel AF che Canon impiega anche nelle sue macchine fotografiche professionali, provvede una cattura del soggetto precisa e veloce, ed è molto affidabile per chi ama utilizzare la modalità di messa a fuoco automatica, la capacità di agganciare il soggetto avviene tra EV -0.5 e EV 18.

La nuova versione di questo modello è uscita poco tempo fa, la Canon EOS 250D è una fotocamera che aggiunge poche innovazioni, ovviamente è migliore rispetto alla 200D ma se la vostra priorità è il prezzo, la vecchia versione va ancora benissimo.

​6. Nikon D5600

​La migliore macchina fotografica reflex economica di livello intermedio

La serie D5000 della Nikon è quella appena sopra la serie entry level D3000, ed offre capacità leggermente più elevate in qualità immagine e prestazioni, ad un prezzo di fascia medio-economica. Parliamo sempre di fotocamere reflex con sensore APS-C compatibili con obiettivi formato DX ad attacco Nikon F.

La D5600 è l’ultima arrivata di questa serie, ed offre qualche chicca in più rispetto alla entry level D3500. La differenza principale è lo schermo LCD, più grande da 3.2 pollici, dalla risoluzione più alta 1.037k dots, e articolato per selfie o per scatti da tutte le posizioni.

Il sensore è appunto un APS-C da 24MP senza filtro anti-aliasing (o filtro low-pass), ISO 100 - 25600, scatto a raffica da 5 fps, video Full HD, supporto per scatto in RAW. Per quanto riguarda le connessioni wireless e la capacità di trasferire foto su smartphone, oltre al Bluetooth la D5600 offre anche connettività WiFi.

Nelle prestazioni, noterete un aumento della qualità del sistema AF poiché qui avrete a disposizione 39 punti AF, per avere maggiore controllo e precisione nella gestione dei punti di messa a fuoco, utile quando dovete comporre l’immagine.

Per la registrazione di video, la fotocamera è in grado di filmare in Full HD a 60, 50, 30, 25, e 24 fps, è possibile anche inserire un microfono esterno grazie alla presenza di un ingresso mini-jack 3.5mm, che insieme alla capacità di ruotare lo schermo a 180 gradi rende questa fotocamera molto utile anche per vlog e video YouTube. Per ottenere risultati più professionali in questa modalità, consigliamo di dare un’occhiata ad obiettivi più qualitativi rispetto al 18-55mm di base, che abbiano capacità di messa a fuoco silenziosa.

Si spende un po’ di più rispetto alla classica reflex entry level di base, ma con la D5600 si può avere una macchina fotografica già abbastanza seria, rimanendo largamente sotto la soglia dei 1000 euro, la consigliamo a chi cerca una fotocamera di livello intermedio sia per fotografia che per video.

​7. Panasonic Lumix DC-GX800

​La mirrorless micro quattro terzi compatta e tascabile

Se siete in cerca di una mirrorless quasi tascabile, con capacità di obiettivi intercambiabili, ad un prezzo basso e buone prestazioni per foto e video, la Panasonic GX800 potrebbe essere la risposta alle vostre necessità.

Come tutte le altre fotocamere Panasonic di serie G, anche la GX800 monta un sensore micro quattro terzi, ha un buon sistema di messa a fuoco da 49 punti a rilevamento del contrasto con tecnologia Depth from Defocus, ed uno schermo LCD orientabile a 180 gradi in sù per scatti selfie e vlog. Da segnalare la mancanza del mirino elettronico, appunto per mantenere le dimensioni compatte.

La risoluzione è di 16MP, e la sezione video include la registrazione in 4K. La fotocamera è venduta di solito con un obiettivo pancake Lumix G 12-32mm f/3.5-5.6, ma accetta anche altri obiettivi con attacco micro quattro terzi, di cui se ne trovano diverse opzioni sul mercato.

Il sensore è privo di filtro low-pass, per una maggiore resa dei dettagli, e la sensibilità ISO è di 200-25600 per avere la possibilità di lavorare in diverse condizioni di illuminazione.

Per scatti a ripetizione ad alta velocità, la fotocamera è completa di sistema PHOTO 4K, che permette di scattare una raffica 4k a 30 fps e scegliere la foto desiderata per bloccare l’azione al momento giusto.

Le capacità video sono inoltre molto buone, la qualità video 4K ha un bit-rate massimo di 100Mbps, mentre il Full HD 60 fps permetterà di registrare video a 1080p in slow motion. L’audio viene catturato dal microfono interno, non è presente una presa mini-jack per audio esterno. È possibile collegare un registratore esterno via uscita HDMI.

​8. Sony Alpha A6000

​La migliore mirrorless economica ad alte prestazioni

State cercando una mirrorless di fascia economica dalle prestazioni elevate per fotografia e video, la migliore che possiamo consigliarvi al minor prezzo possibile è la Sony a6000, che ancora oggi rimane un punto di riferimento nella categoria ed offre un rapporto qualità prezzo incredibilmente elevato.

La serie a6000 di Sony ha prodotto fotocamere che ad ogni aggiornamento stupisce e meraviglia il pubblico mirrorless, e la a6000 è il modello che ha iniziato la serie con una numerosa quantità di innovazioni che già nel 2014 avevano fatto scalpore.

Il sensore impiegato in questa linea è il CMOS APS-C con risoluzione 24MP, accoppiato al processore BIONZ X. La capacità ISO è di 100-25600, modalità di scatto a raffica 11 fps e capacità video Full HD.

L’elemento che stupisce più di tutti in questa fotocamera, oltre alla elevata qualità immagine, è il sistema di messa a fuoco automatica, che offre velocità impressionanti e una copertura del frame che una reflex non potrebbe sognarsi. La velocità e precisione del sistema AF è resa possibile dalla tecnologia ibrida a rilevamento del contrasto (25 punti) e della fase (179 punti), capaci di acquisire il soggetto in soli 0.06 secondi.

Per chi è amante della messa a fuoco manuale, la presenza di un mirino elettronico EVF rende possibile l’utilizzo dell’utilissima funzione di focus peaking, oltre al fatto che il mirino elettronico è utile ad avere una visione in anteprima dei livelli di esposizione.

Parlando del mirino elettronico, qui abbiamo una risoluzione di 1440k-dot e copertura del 100% del frame, mentre lo schermo LCD è pieghevole in alto e in basso ed offre una qualità di 921.000 punti in risoluzione.

Aspetti negativi da considerare, la poca durata della batteria (tipico delle mirrorless) e la mancanza di un ingresso audio per microfono esterno. Per il resto, la Sony a6000 è una mirrorless che soddisfa molti fotografi anche di livello avanzato, appunto grazie alla presenza di alte prestazioni e prezzo di fascia bassa.

​9. Fujifilm X-T100

​La mirrorless economica per fotografia di qualità

Nel reparto delle fotocamere mirrorless con sensore APS-C, la X-T100 di Fujifilm è una camera da tenere in considerazione perché vanta numerose caratteristiche interessanti ad un prezzo di fascia competitiva.

Con questa macchina avrete un sensore dalle alte capacità e 24MP in risoluzione, qualità immagine superiore ed anche capacità video di tutto rispetto. La sensibilità ISO è di 200-12800 espandibile a 100-51200. Il mirino elettronico è un OLED da 2.36 milioni di punti in risoluzione, ed il display da 1.04m-dot è inclinabile in alto e basso per favorire scatti da diverse altezze.

La qualità del corpo macchina è eccellente, i controlli manuali sulla scocca sono numerosi e rendono molto piacevole l’utilizzo. Il taglio classico di Fuji e la presenza di comandi per controllare l’esposizione in manuale sono il marchio di fabbrica di questa marca, un connubio perfetto tra il vintage e il moderno.

Il sistema AF è di nuova generazione, con tecnologia ibrida a rilevamento di fase e contrasto, con 91 punti AF in totale. Si possono registrare filmati Full HD 1080p a 60 fps, non consigliamo invece l’utilizzo del 4K poiché è disponibile soltanto a 15 fps, con questo frame rate il movimento del video sarà poco fluido.

Le simulazioni pellicola di Fuji messe a disposizione all'interno del menu sono di ottima qualità, così da poter realizzare scatti già pronti per la pubblicazione senza dover passare da un editor esterno per elaborare ed applicare gli effetti.

​10. Panasonic Lumix DC-G80

​Avanzata, potente e veloce, per chi vuole qualcosa in più

Nella sfera mirrorless con sensore micro quattro terzi a prezzo di fascia media c’è la Panasonic G80, ancora ben sotto la soglia dei mille euro e con caratteristiche già interessanti anche per fotografi avanzati. Le performance sono molto alte, ed è anche possibile registrare filmati in 4K, oltre che scattare ad alte velocità di raffica per sport e azione.

Il sensore ha una risoluzione da 16MP con sensibilità ISO che va da 200 a 25600. In modalità di scatto continuo, la fotocamera è in grado di produrre 10 fotografie al secondo con AF-S, oppure 6 fps con AF-C. Per avere accesso a velocità ancora più elevate, è anche disponibile la modalità PHOTO 4K per scattare fotografie a 30 fps a risoluzione 8MP.

All'interno del corpo macchina, troviamo anche un meccanismo di stabilizzazione a 5 assi per compensare i tempi di esposizione in caso si debba fotografare in condizioni di luce scarsa, inoltre se si utilizzano obiettivi compatibili con questo sistema è possibile prendere vantaggio del doppio sistema I.S. che sfrutta sia la stabilizzazione del sensore che quella dell’ottica.

Mirino EVF ad alta risoluzione da 2.36 milioni di punti, e schermo LCD touch screen da 1.04m-dot con articolazione vari-angle per operare da qualsiasi angolazione ed anche per scatti selfie.

La qualità video Ultra HD 4K permette di realizzare filmati dal sapore professionale, anche grazie al livello di bit-rate 100Mbps. In Full HD si può registrare con frame rate fino a 60 fps anche per slow motion, e la registrazione audio tramite microfono esterno è possibile grazie all'ingresso mini-jack 3.5mm.

Il sistema di messa a fuoco è il Depth from Defocus impiegato in tutte le fotocamere di serie Lumix G, che rileva il contrasto ed offre velocità e precisione. Anche per mettere a fuoco con luminosità scarsa, la Panasonic G80 è capace di agganciare il soggetto fino a -4 EV.