reflex vs bridge Classifiche

Reflex VS Bridge: Quale Fotocamera Scegliere e Perché?


Appassionati fotografi in cerca di una nuova entry level o semplici insoddisfatti delle limitanti funzioni di una compatta consumer, se volete entrare nel mondo della fotografia più avanzata, siete di fronte ad una scelta importante: Reflex o Bridge? Differenze, vantaggi e caratteristiche. Ecco tutte le risposte in questa guida.

Forse un tempo era più facile, la reflex era l’unica alternativa possibile e non c’era da arrovellarsi tanto il cervello. Ma oggi le opzioni tra cui scegliere sono maggiori, e con la nascita delle fotocamere bridge la decisione non è più tanto immediata.

Per aiutarvi a risolvere questo rompicapo abbiamo messo a confronto le due tipologie di fotocamera nella guida che segue.

Reflex o Bridge: le differenze principali

Le fotocamere bridge sono pensate per essere l’anello di congiunzione tra una compatta e una reflex, un ponte (bridge, per l’appunto) tra una tecnologia di base e una avanzata. Ma quali sono le differenze principali tra una bridge e una DSLR? Proviamo a sintetizzarle.

  • Dimensioni e Peso
    Una fotocamera bridge è mediamente più grande di una compatta, soprattutto a causa dell’obiettivo fisso che generalmente copre un ampio spettro di lunghezza focale (non a caso sono dette anche “superzoom” o “ultrazoom”). Rispetto a una reflex invece, anche se l’aspetto e il design sono simili, è più piccola e leggera, e, di conseguenza, più facilmente trasportabile.
  • Sensore immagine
    Proprio a causa delle dimensioni le reflex hanno generalmente sensori più grandi e di qualità migliore delle bridge, il che si traduce in prestazioni migliori in caso di scarsa luminosità. Alcuni dei modelli più recenti, però, hanno sensori di 1 pollice e una qualità immagine molto vicina alle reflex con sensori APS-C.
  • Mirino
    Le fotocamere reflex sono dotate di un realistico mirino ottico (OVF), mentre le bridge, come le mirrorless, hanno un mirino elettronico (EVF) generalmente molto nitido e che fornisce immagini ben definite.
  • Durata della batteria
    Generalmente le reflex hanno una maggiore autonomia, grazie soprattutto al fatto che possono scattare senza l’utilizzo di schermo LCD o mirino elettronico, entrambi molto dispendiosi in termini di consumo energetico.
  • Qualità immagine
    La qualità immagine di una fotocamera è determinata da diversi fattori, ma uno dei più importanti è la dimensione del sensore. Un sensore più grande produce, in generale, immagini di qualità migliore, perché riesce a catturare una quantità di luce maggiore.
    Le fotocamere bridge hanno sensori mediamente più piccoli rispetto alle reflex, per il semplice fatto che il sensore di una reflex non potrebbe starci fisicamente nel corpo di una bridge. Di conseguenza, anche la qualità immagine è inferiore, ma, fortunatamente, la tecnologia si evolve costantemente, e alcuni dei modelli più recenti sono dotati di sensori (e quindi di qualità immagine) prossimi a quelli di una reflex formato APS-C.
  • Obiettivi
    Una delle maggiori differenze tra reflex e bridge sono senza dubbio gli obiettivi. Le fotocamere bridge, infatti, hanno un obiettivo tuttofare fisso con un enorme range focale, che va dal grandangolo a un medio o super teleobiettivo fino anche a 1000 o 1200mm. Si tratta di lenti molto versatili, che consentono di fotografare praticamente tutto, che però, proprio per questa versatilità, non sono eccellenti in niente. Per contro, le reflex hanno obiettivi intercambiabili e si ha accesso a un parco ottiche pressoché infinito, che permette di ottenere risultati eccellenti negli ambiti più diversi.
  • Prezzo
    Forse le fotocamere bridge non raggiungono i livelli di qualità immagine delle DSLR, ma un loro punto di forza è il rapporto qualità/prezzo: offrono infatti un buon set di caratteristiche a un prezzo mediamente inferiore alle reflex.

Pro e contro di una fotocamera reflex

Vediamo quali sono i maggiori pro e contro di una fotocamera reflex:

Pro:

  • Corpo macchina professionale
  • Ottima qualità immagine
  • Sensore più grande
  • Mirino ottico realistico
  • Maggiore durata della batteria
  • Velocità dell’autofocus
  • Vasta scelta di obiettivi
Contro:

  • Corpo pesante e ingombrante
  • Prezzo anche molto alto
  • Necessità di acquistare più obiettivi
  • Più complicata da padroneggiare pienamente

Pro e contro di una fotocamera bridge

Pro:

  • Aspetto robusto simile a una reflex
  • Più leggera e facilmente trasportabile
  • Non necessita di obiettivi extra
  • Generalmente meno costosa
  • Più semplice per iniziare
Contro:

  • Sensore più piccolo
  • Qualità immagine inferiore (anche se gli ultimi modelli si avvicinano alle reflex)
  • Performance con luce scarsa inferiori
  • Obiettivo fisso

Quando e perché scegliere una fotocamera reflex

“Quindi, quale dovrei scegliere?”, vi starete chiedendo. Non c’è una risposta giusta che sia sempre valida; dipende da quali obiettivi si vogliono raggiungere, dal tipo di fotografia che si vuole fare e, come sempre, da quanto si può spendere.

I fotografi professionisti, o chi aspira ad esserlo, sceglieranno certamente una reflex. Certo, dimensioni e peso non giocano a favore di questa tipologia di fotocamera, ma una reflex ha prestazioni e qualità immagine eccellenti. Inoltre, con la vasta gamma di obiettivi e accessori disponibili è possibile fotografare ogni cosa. Ma per poterla padroneggiare al meglio ci vogliono tempo, pazienza e impegno: una reflex non si impara ad usare (bene) in cinque minuti.

Dunque, non è detto che la scelta di una reflex sia la migliore per tutti. Chi cerca una fotocamera versatile con un buon rapporto qualità/prezzo sarà più che soddisfatto di una bridge.

Quando e perché scegliere una fotocamera bridge

Una fotocamera bridge, come abbiamo visto, ha il grande vantaggio di essere molto versatile e, pur avendo l’aspetto di una DSLR, è più leggera e compatta di una reflex. È la soluzione adatta per chi vuole avere prestazioni migliori e molte più opzioni di una compatta ma non vuole spendere cifre esorbitanti.

Lo zoom di una fotocamera bridge è in grado di affrontare qualsiasi situazione, passando in un attimo da un grandangolo a un super teleobiettivo, offrendo così un’esperienza fotografica più completa di una compatta.

Una bridge è un’ottima scelta per chi inizia a fare sul serio con la fotografia, ma non è ancora pronto a fare il grande salto (o il grande investimento) e passare a una reflex. Inoltre, è perfetta per i viaggiatori che preferiscono un bagaglio leggero: il superzoom, infatti, eviterà di dover portare con sé mille tipi di pesanti obiettivi diversi.

Reflex o Bridge: scelta della tipologia e della migliore fotocamera

Chiarita la differenza tra le due e capito qual’è la migliore per le proprie esigenze, siamo di fronte ad un’altra decisione importante: quale modello comprare?

Per essere sicuri di fare un acquisto consapevole e all’altezza delle proprie aspettative, a chi ha scelto la prima tipologia consigliamo la lettura della guida con la classifica delle migliori reflex, mentre per chi ha scelto la seconda, qui la classifica aggiornata con le migliori bridge attualmente in commercio scelte per marche, prestazioni e qualità fotografica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *